Italia - P. Innocente Bentoglio (1923-2021)

Questo pomeriggio, 14 gennaio, poco prima delle 17, è morto presso la nostra casa di Rancio di Lecco, il caro confratello p. Innocente Bentoglio. Aveva 97 anni ed era il secondo membro più anziano dell’Istituto. Da tempo era debilitato da malattie e senilità; il decesso è avvenuto anche per complicazioni legate al Covid-19.

Padre Innocente nasce il 21 luglio1923 a Santo Stefano degli Angeli, nel comune di Carobbio degli Angeli (provincia e diocesi di Bergamo) da Angelo e Giuseppina Pedroni. A 15 anni, entra a Monza come studente, emette il giuramento perpetuo il 25 giugno 1949 ed è ordinato sacerdote a Milano il 25 giugno 1950 dal card. Ildefonso Schuster. È prefetto nei seminari di Vigarolo e poi a Villa Grugana, prima di essere destinato alla Birmania dove vi giunge ai primi di gennaio del 1952. Oltre a prestare servizio in diverse missioni (Lashio, Monhpong, Katkai) intraprese diverse spedizioni tra gli Wa e i Lisaw. Dopo 14 anni (1966) viene espulso assieme ad altri molti missionari.  Rimane a Sotto il Monte fino al 1970, anno in cui viene destinato in Brasile Sud. Lavora nelle parrocchie di Sertaneja, Sertanópolis, Ibiporã, Assis e in Mato Grosso del Sud. Trasferito nell’Amapá nel 1990, lavora nella parrocchia di Santana, dove rimane fino al 2009 quando per motivi di salute viene trasferito nella Casa Raihna dos Apóstolos ad Ibiporã. Rimane in Brasile per 40, prestando il suo servizio missionario in 9 città. Nel 2011 rientra definitivamente in Italia; dal 5 agosto dello stesso anno risiedeva a Rancio di Lecco.

Nel 2010, un anno prima del suo rientro definitivo in patria, è ritornato per un breve periodo in Italia, in occasione del 60° anniversario di ordinazione. Al Superiore della Circoscrizione Brasile mandava queste parole, che sembrano essere rivolte a tutti noi: “Carissimo, il mio viaggio per l’Italia, accompagnato da mio nipote, fu molto buono e felice. Tutto sembra essere andato secondo il piano stabilito e sono stato accolto con grande amore e affetto. La concelebrazione del mio 60esimo anno di ordinazione sacerdotale fu poi una vera meraviglia, sono rimasto molto contento e ho avuto occasione di ringraziare il Signore e di ricordare tante belle grazie ricevute e ho voluto ricordare molte belle cose e anche molte persone importanti e anche un grazie al PIME e a tutti i miei amici e compagni e Superiori. Penso di tornare verso settembre e poi nuovamente ritornerò in Italia; vorrei prestare aiuto a Sotto il Monte, non lontano dai miei familiari, anche se per la mia età e le mie condizioni di salute personali non so se ne valga la pena. Ad ogni modo presento il mio pensiero e il desiderio dei miei parenti: al Signore la decisione. Sono contento e sto bene, ringrazio Iddio e ricordo tutto con grande amore. Che Dio ci benedica tutti. Un saluto e una preghiera.”

  • Creato il .
Condividi
FaceBook  Twitter  

© Copyright Pontificio Istituto per le Missioni Estere - P.I.M.E.

Direzione Generale: Via Monte Rosa, 81 20149 Milano - Italia - Tel. 02 438201 Fax 02 43822699