IL FONDATORE

«Sono una miserabilissima creatura, ma pure per la grazia del Signore sono ministro di Dio, sono vescovo, successore di quegli Apostoli ai quali Gesù Cristo non credette di dir troppo, dicendo: “Andate per tutto il mondo, predicate il Vangelo a tutti gli uomini, istruite tutte le nazioni, insegnando loro ad osservare tutto quello che vi ho predicato”».
Mons. Angelo Ramazzotti,
fondatore del Pime
Nato a Milano il 3 agosto 1800, Angelo Ramazzotti divenne sacerdote dopo essersi dedicato agli studi di diritto civile ed ecclesiastico all’Università di Pavia. Lo stesso giorno dell’ordinazione, il 13 giugno 1829, entrò fra gli Oblati Missionari di Rho, impegnandosi nella predicazione di esercizi spirituali e nelle missioni popolari. Il 30 luglio 1850, d’intesa con i vescovi delle diocesi della regione, fondò il Seminario Lombardo per le Missioni Estere, germe di quello che dal 1926 sarebbe diventato il Pontificio Istituto Missioni Estere. Un mese prima era stato consacrato vescovo di Pavia, diocesi dove giunse il 28 settembre 1850, rimanendovi fino al 1858, quando divenne Patriarca di Venezia. Anche da vescovo e patriarca continuò a seguire a seguire la vita del Pime attraverso il direttore da lui scelto, don Giuseppe Marinoni. Nel 1861 fu informato della volontà di papa Pio IX di elevarlo alla porpora cardinalizia, che non poté però ricevere perché gravemente malato. Morì il 24 settembre 1861 presso Villa Canal a Gherla, frazione di Crespano del Grappa, dove si era ritirato. Il 14 dicembre 2015 papa Francesco ha autorizzato il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto sulle virtù eroiche di monsignor Ramazzotti, i cui resti mortali dal 3 marzo 1958 riposano a Milano presso la chiesa di San Francesco Saverio, annessa alla Casa madre del Pime in via Monte Rosa 81.

© Copyright Pontificio Istituto per le Missioni Estere - P.I.M.E.

Direzione Generale: Via Monte Rosa, 81 20149 Milano - Italia - Tel. 02 438201 Fax 02 43822699