Il 2019 è iniziato sotto una buona stella per una bella notizia giunta dal Myanmar (ex Birmania).

Padre Marco Villa, neo-segretario del PIME, elaborando la cronaca dell’ultimo mese del 2018, alla voce “Myanmar” ha diramato il seguente messaggio: “In data 14 e dicembre migliaia di persone hanno assistito alla benedizione del Centro Pastorale diocesano e della nuova cattedrale di Pekkon (già capoluogo del distretto orientale della missione di Toungoo). Erano presenti il Nunzio Apostolico, due arcivescovi, tre vescovi, molti sacerdoti, religiosi e suore. Pekkon è stata una delle missioni del PIME fino al 2007 e là ha lavorato Padre Paolo Noè (morto il 29.03.2007). Sono stati ricordati tutti i missionari del PIME. Per l’Istituto era presente Padre Robert Ngairi, primo sacerdote birmano, e il Referente”.

L’estensore della cronaca l’ha resa pubblica il 4 gennaio u.s. e il sottoscritto ha notato che si è attenuto all’insegnamento del Vangelo là dove è scritto che per il lavoro svolto i discepoli non sono ricompensati ugualmente nel tempo perché “molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi” (Mt 19,30).

Nel caso specifico la menzione è toccata all’ultimo parroco del PIME. Anche i primi sono stati collettivamente compresi nell’aggettivo pronominale “tutti”.

Tuttavia credo che per l’edificazione nostra e dei confratelli più giovani sia conveniente ricordare in dettaglio i nomi dei primi missionari del PIME, dopo il 1867 che contribuirono alla formazione dei cristiani tra le tribù ancestrali dei Ghekhù. Sokù, Padaung o Cariani. In ordine di tempo, nominando a volo, Padre Paolo Pastori a Pekkon nel 1922, indico prima il Beato Paolo Manna (1872-1952) e poi il Servo di Dio Fratel Felice Tantardini (1898-1991).

Padre Manna ebbe la destinazione per la Birmania nel 1895 e, dopo un anno per imparare il linguaggio ancestrale a Toungoo, fu assegnato (1896) all’evangelizzazione del villaggio di Momblò più interno di Pekkon, Momblé, Vary e Dorokó tutti abitati dai Cariani rossi. In quel villaggio costruì e benedisse (giugno 1897) una chiesetta in legno collocandovi una tela ad olio con l’immagine del Sacro Cuore di Gesù e un quadro della Madonna (ora a Ducenta) e istruendo con preghiere, catechismo, canto e la musica i catecumeni.

Si può dire che nella pastorale precorse più di un secolo fa le disposizioni della XV Assemblea generale dei vescovi che nel documento finale trattano della musica e del canto, nella liturgia (n. 47). Ma quello zelo fervoroso fu troncato presto per ematuria tubercolotica. Padre Manna nel 1901 fu obbligato a tornare in Italia una prima volta. Nel 1902, rimessosi alquanto in salute, ripartì. Tre anni dopo, nel 1905, i medici di Toungoo e Rangoon sentenziarono che i polmoni presentavano bacilli di tubercolosi. Da Milano, il direttore dell’Istituto mons. Filippo Roncari manda l’ordine di rientrare. Per la terza volta, “sufficientemente ristabilito” tornò in Birmania e fu assegnato a Dorokó. Il 4 giugno 1907, su ordine di altri medici che verificarono acuti dolori al petto e alle spalle con febbri violenti, il vescovo mons. Rocco Tornatore lo fece imbarcare definitivamente.[1]

L’altro missionario laico che ricordo qui è Fratel Felice Tantardini, dalla cui autobiografia ricavo che più volte eseguì lavori da fabbro, idraulico, costruttore edile ecc. a Pekkon. Egli racconta con brio che nel 1928, mentre si trovava a Kalaw per preparare blocchi di cemento per una chiesa in costruzione, fu chiamato a Pekkon per “installare una pompa a mano, per le canne con acqua ed altro cioè “completare il campanile e collocare tre grosse campane”. Il ritorno a Toungoo fu in parte camminando a piedi come un pellegrino e poi per via fiume su una barca fatta di tronchi di alberi scavati e spinti con remi azionati dalle gambe”. [2]

Nel pomeriggio del 17 gennaio 2019 il professor Sampietro ha illustrato la figura di Fratel Tantardini all’interno del “Caffè Letterario” presso l’ospedale Manzoni di Lecco.

Padre Alfredo Di Landa

 


[1] Vedi P. Gheddo, Paolo Manna, EMI, Bologna 2001, pp. 32: 36; 43; 47; 51; 53.

[2] Vedi F. Tantardini, Il fabbro di Dio, EMI, Bologna 2017, pp. 51; 66; 68; 69; 71.

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più