P. Leopoldo Pastori 1 

26 maggio 1996: muore a Piacenza, stroncato dall’epatite a 57 anni, padre Leopoldo Pastori, della diocesi di Lodi, missionario del PIME in Guinea-Bissau.

Vogliamo ricordarlo in questa sezione Missione e santità perché, pur non essendo stata finora avviata per lui la Causa di beatificazione, la sua fama di santità è diffusa non solo tra i confratelli che l’hanno conosciuto, ma, ancor più, tra i tantissimi fedeli che hanno avuto contatti con lui sia in Italia (particolarmente in Lombardia: Lodi, Sotto il Monte, Monza, Milano…), sia in Guinea-Bissau.

 

Padre Leopoldo Pastori 2

In questo paese lusofono dell’Africa occidentale padre Leopoldo ha svolto attività missionaria in due periodi, dal 1974 al 1978 e dal 1990 al 1996: in tutto, meno di nove anni. Un tempo non lungo ma intenso, in cui il missionario lodigiano innamorato di Cristo, apostolo dell’affidamento a Maria, ha profuso le sue energie in una vita totalmente donata a servizio di Dio e dei fratelli. Attraeva particolarmente i giovani con la sua fede, ma anche con le sue doti umane e abilità musicali: suonava l’armonium, la chitarra, la tromba, la korà (strumento africano a corde); componeva e insegnava canti nelle lingue locali.

A partire dal 1975, il virus dell’epatite (il famoso antigene australe) sarà il suo “compagno” inseparabile. Terapie, diete… con alterne vicende. Una croce che egli abbraccerà con fede e pazienza, con fortezza ammirevole fino alla morte. Scrive: “Soffro volentieri, perché il dolore mi converte a Dio e mi fa capire di più l’umanità che soffre”.

Qualche confratello ha detto di lui: “Però… ogni tanto faceva di testa sua”. Beh, anche i santi hanno i loro difetti!

Aderisce con entusiasmo alla proposta di padre Mario Faccioli (1922-2015), uno dei “veterani” della Guinea-Bissau, di collaborare con lui, che aveva fondato la “Casa di spiritualità” di N’Dame, a circa tre chilometri da Bissau. Dedica alla preghiera dalle quattro alle cinque ore al giorno. Predica ritiri, confessa, guida spiritualmente preti, suore e laici (tra cui molti giovani catecumeni e neofiti), che si recano in pellegrinaggio alla chiesa-santuario “Regina degli Apostoli” di N’Dame. Si prodiga per i poveri, i bambini, gli ammalati dei villaggi della zona.

Il 13 maggio 1996 si aggrava ed è costretto a dire addio alla missione con un volo Bissau-Lisbona-Milano. È ricoverato di urgenza prima al “Negrar” di Verona, poi - grazie all’interessamento della dott.ssa Giuliana Rapacioli, sorella del nostro padre Francesco - all’ospedale di Piacenza.

Qualche giorno prima della morte chiama al suo capezzale l’amico e guida spirituale padre Andrea Gasparino (1923-2010), fondatore del “Movimento contemplativo missionario Beato Carlo De Foucauld” di Cuneo, che accorre immediatamente per l’ultima confessione.

In una sua lettera del 15 settembre 2005 a padre Gheddo, il monaco di Cuneo dichiarerà: “Con p. Leopoldo ho avuto un legame profondo. […] Credo che l’idea di iniziare la sua causa di canonizzazione sia stupenda! Abbiamo bisogno di missionari santi!”[1].

P. Giovanni Musi, PIME

 

 

Testamento di padre Leopoldo Pastori

2 novembre 1990

Prima di partire per la Guinea-Bissau, dono della bontà infinita del Signore, penso a tutta la mia vita e prego:

  • Grazie infinite, mio Dio, dei tuoi doni quotidiani, profondi, sempre pieni di tenerezza paterna.
  • Perdonami di non aver visto né accolto, per il mio egoismo, i tuoi consigli di vita evangelica e di aver approfittato della tua misericordia.
  • Chiedo perdono al mio Istituto che mi ha aiutato a vivere concretamente la mia vocazione missionaria; chiedo perdono ad ogni padre, fratello e seminarista, della mia incapacità ad amarlo, a stimarlo, a servirlo come Dio voleva che facessi.
  • Chiedo perdono ai miei cari familiari e amici, se non ho dato tutto l’esempio di prete missionario, innamorato di annunciare Cristo.
  • Chiedo perdono sinceramente a quanti ho offeso in qualsiasi modo: che mi perdonino di cuore e preghino per me. Io, già tante volte ho desiderato e pregato per perdonare volentieri chi mi avesse fatto del male: cose che passano!
  • Accetto e consacro fin d’ora, l’ultima chiamata di Dio, il dono della morte che offro a Dio, in unione alla morte crocifissa di Gesù e insieme a Maria ai piedi della croce. Vorrei che fosse una morte cosciente e vissuta fino alla fine, per amore di Gesù.
  • Benedico il Signore per qualsiasi sofferenza che avrò, perché sarà preziosa occasione di mostrargli con i fatti che lo amo.
  • Offro fin d’ora la mia vita con gioia, per le mani di Maria, al Padre, perché accolga la mia preghiera con Gesù Eucarestia: che N’Dame divenga santuario eucaristico-mariano, e che tutte le tabanche (villaggi, ndr) vicine si convertano al Vangelo.
  • Tutto quanto possiedo non è mio, ma della missione dove avrò vissuto fino al momento della mia morte.
  • Che i miei cari possano prendere qualche ricordo personale, se lo desiderano.
  • Maria, Regina degli Apostoli, mia madre, maestra e regina amata, mi affido a Te, fino all’ultimo istante della mia vita. Rendimi fedele a Gesù, e ti ringrazio per ogni volta che col tuo aiuto, ho trovato la gioia di amarlo e di farlo amare, di servirlo nei poveri, di annunciarlo a chi non lo conosceva.
  • Madre mia, fiducia mia. Amen

Gesù ti amo.

P. Leopoldo Pastori

(Trascrizione dal manoscritto originale conservato nell’Archivio Generale del PIME di Roma)

 


[1] Piero Gheddo, Leopoldo Pastori – Il missionario monaco della Guinea-Bissau (1939-1996), EMI 2006, pp. 131-132.

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più