Fratel Fabio Mussi e l’Equipe di Yagoua ci inviano questo breve scritto, con cui salutano l’avvio dell’anno scolastico del liceo di Kousseri.

«À vos marques, soyez, prêt, partez». È quello che dicono i bambini giocando quando si preparano per qualche gara o sfida, soprattutto nella corsa. La traduzione letterale è “Ai vostri posti, siate pronti partite”, una versione più da gara ufficiale. Ma per noi è il nostro “Pronti, partenza, via!”. Quante volte l’abbiamo detto da bambini nei nostri giochi e quante volte anche da adulti ai nostri figli, nipoti, figli di amici.

Pensando a questa frase mi vengono in mente tante cose, mi piace leggerla anche come un augurio nei confronti dei bambini e di tutti gli studenti, siate pronti ad affrontare la scuola, lo studio i momenti di gioco, di festa e anche i momenti difficili.

Ed è così che vogliamo cominciare, belli carichi per affrontare il nuovo anno scolastico e tutte le attività ad esso collegate per i 7.976 alunni attualmente iscritti nelle scuole materne, elementari e liceo.

Le scuole sono ricominciate in tutto il Camerun il 3 settembre. Anche quest’anno abbiamo visto che le iscrizioni nelle nostre scuole continuano ad aumentare. Questo non può far altro che farci felici anche se con un po’ di preoccupazione per la mancanza di aule scolastiche che in molte delle nostre strutture sono diventate insufficienti ad accogliere tutti gli studenti. Già da qualche anno gli studenti di alcune classi sono infatti costretti a fare lezione in strutture provvisorie fatte di pali di legno e paglia.

Una bella notizia è che a settembre il nostro liceo di Kousseri ha potuto aprire le porte al secondo ciclo, cioè per i 3 anni di liceo vero e proprio (nella foto). Grazie al nuovo stabile di 6 aule il numero degli studenti ha raggiunto quota 270. Anche il numero degli insegnanti è aumentato e questo permette di coprire tutte le materie previste. Con l’inizio dell’anno scolastico è stata anche inaugurata la nuova aula per l’informatica fornita di 20 computer.

Quest’anno, anche se ciò è costato un grande sforzo economico, siamo riusciti ad organizzare una settimana di formazione e aggiornamento per tutti i 180 insegnanti e i direttori delle nostre scuole elementari.

Fortunatamente quest’anno abbiamo avuto una buona stagione delle piogge e questo ha permesso e permetterà a molte famiglie di tirare un po’ il fiato per quel che concerne il problema dell’alimentazione e non solo. Ci aspettiamo dei buoni raccolti e ci sono buone prospettive anche per il Karal (il miglio della stagione secca) che viene piantato alla fine della stagione delle piogge e cresce grazie all’acqua che il terreno trattiene nel sottosuolo a seguito delle piogge. Viene raccolto a partire da gennaio; è una coltivazione molto importante perché permette alle famiglie di avere miglio anche durante la stagione secca.

Vi salutiamo augurando a tutti gli studenti un buon anno scolastico, con una speranza nel cuore, che siano proprio i più piccoli e gli studenti di tutto il mondo, con la loro semplicità e spontaneità i primi a considerarsi tutti fratelli, senza distinzione alcuna, e perché siano loro per una volta i “maestri” per poter insegnare agli adulti che “l’altro” non è minaccia, ma solo ricchezza.

E allora forza bambini, studenti e adulti… «À vos marques, soyez, prêt, partez».

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più