È in corso, per tutta la settimana, l’assemblea regionale annuale del Pime nelle Filippine: un evento che cade nel cinquantesimo della presenza dell’istituto in quel Paese e che sarà celebrata prossimamente con alcuni eventi ad hoc. Nel corso dell’assemblea ha portato la sua apprezzata testimonianza il cardinale Orlando Beltran Quevedo, da 20 anni arcivescovo di Cotabato nella tormentata regione di Mindanao. Missionario dInsieme con Luis Antonio Gokim Tagle, Quevedo è uno dei due porporati delle Filippine, creato da Francesco nel concistoro del 22 febbraio 2014. Quevedo, parlando ai padri del Pime, ha ricordato simpaticamente la sorprendente modalità con cui apprese della sua elezione a cardinale (Francesco lo annunciò a all’Angelus), tramite un Sms dell’arcivescovo di Manila, Tagle, il quale scrisse: «Congratulazioni, Orly, congratulazioni al nostro nuovo Cardinale». «Ti stai congratulando con la persona sbagliata sull'isola sbagliata», fu la risposta. Ma Tagle – ha raccontato Quevedo – gli rispose: «Sei tu, sei tu, sei tu, sei tu. Scelta personale del Papa!».

Proponiamo, di seguito, ampi stralci della prima parte della relazione (non rivista dall’autore) tenuta nel corso dell’incontro. Grazie a padre Luciano Benedetti per la preziosa collaborazione. In seguito pubblicheremo il resto.

«So che il Pime ha una storia di 150 anni PIME Ma la mia riflessione del lavoro missionario del Pime in Mindanao parte da coloro che ho conosciuto in Kidapawan. Uno di loro è stato padre Sandro Bauducci, che poi mi ha portato a visitare la famiglia di Tullio Favali a Mantova e mi ha fatto cavalcare il cavallo per sei ore (ma era un cavallo un po’ cieco...). C’era anche un altro grande uomo là, Luciano Ghezzi; poi Peter Geremia, Tullio Favali e un giovane prete, Bruno Vanin e l’assistente del Peter in Tulunan, che rimase solo per un breve periodo di tempo, Michele Carlone. E poi ricordo Fausto Tentorio e il superiore in quel tempo (prima di Sebastiano D’Ambra), ovvero Egidio Biffi, il quale - dopo avermi accompagnato nell’Arakan Valley, dopo un viaggio di diverse ore - mi disse: “Monsignore, voi dovreste avere un elicottero per visitare l’Arakan”. Ma non potevo naturalmente perché solo ai militari era permesso averlo».

Per esprimere ciò che egli ha compreso del carisma del Pime, il cardinale Quevedo ha raccontato un episodio di vita vissuta, relativo agli anni in cui è stato vescovo a Kidapawan (inizi degli anni Ottanta) e ha lavorato a stretto contatto con alcuni missionari del Pime. «Il lavoro che i missionari del Pime hanno svolto in Tulunan, Arakan e Columbio, il fatto stesso di raggiungere quei posti, è sempre stata una avventura. A Columbio – ricordo - c’era un sindaco, Bermudes, ex studente della nostra scuola di Notre Dame, che non accolse bene il missionario là e la canonica di p. Tentorio fu colpita da colpi d’arma da fuoco dei suoi armati. Una volta stavo andando da solo in macchina per un incontro a Marbel: ero all’incrocio per Columbio e tre uomini armati mi fecero cenno di fermarmi; erano ribelli MNLF. “Volete salire con me?” chiesi. Cominciammo a parlare e l’uomo di fronte a me aveva un grosso fucile. “Non ha paura?”, mi chiesero. “No”, dissi, “se volevate la mia macchina avreste già sparato”. Continuammo a parlare e io domandai loro: “Conoscete il prete in Columbio?”. Risposta: “Si, è padre Fausto Tentorio: sta aiutando il miei figli ad andare a scuola”. Replicai: “Quindi i suoi figli sono i miei scolari. Perché? Io sono a capo dei miei preti, come un governatore è a capo di tutta la gente. Io sono il capo di tutti i preti che sono nelle parrocchie di Tulunan, Columbio…”. A quel punto l’uomo del MNLF capisce di avere davanti il vescovo: “Sa, vescovo, mia moglie non ha abbastanza latte, il bambino è debole; potrebbe darmi dei soldi?”. “No!”, fu la risposta, che il vescovo motivò così: “Se siete disarmati vi darò i soldi, ma siccome sei armato e mi stai minacciando non posso. Andate da padre Tentorio e domandate aiuto a lui per il latte per il tuo figlio”. Nel ringraziarmi l’uomo aggiunse: “Se qualcuno la fermerà su questa strada, risponda che conosce il comandante Jack”. Allora il vescovo non potè trattenere un’esclamazione di meraviglia: “Ah, sei tu il famoso commander Jack! Padre Tentorio parla di te anche”. In effetti, padre Tentorio lavorava con gente che non apparteneva alla fede cattolica, li aiutava, non perché fossero armati ma perché avevano bisogno di aiuti. Questo è parte del carisma dei PIME».

Il cardinale ha poi raccontato un simpatico aneddoto: «Un’altra volta andai a Roma e al Pime mi dissero di portare grappa ai missionari a Kidapawan, Allora andai in Vaticano, dove c’erano decine di tipi di grappa, alcune delle quali a basso costo. Ho comperato due bottiglie di grappa non troppo care e subito mandai un messaggio a Kidapawan avvisando che stavo portando con me due bottiglie di grappa. Quel lunedì, dopo il mio ritorno, tutti i missionari del PIME arrivarono nella casa del vescovo a bere grappa; due bottiglie furono consumate in un paio d’ore. Anche questo è un ricordo che associo ai missionari del PIME».

(continua)

Condividi
FaceBook  Twitter  

 

 

SCHEGGE DI BENGALA

Il Blog di P. Franco Cagnasso

LETTERA DALLA MISSIONE

Il Blog di P. Silvano Zoccarato

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Leggi di più